Incontro cittadino OFS il 23 giugno

Exemple

Incontro cittadino OFS il 23 giugno

Scarica qui la locandina dell’evento

Basilica e Convento San Francesco
Bologna

“Creati… nel Creato”

  9,00  Accoglienza
  9,30  Lodi
  10,00  Francesco, voce di ogni creatura
      Fr. Carlo Dallari OFM, assistente della fraternità di Fanano (MO)
      Stefano Folli, francescano secolare della fraternità di Faenza
  12,00  S. Messa
  13,00  Pranzo al sacco
  14,30  Lavori di gruppo
riflessioni su Educhiamoci ai nuovi stili di vita
  16,00  Conclusione

«“Laudato si’, mi’ Signore”, cantava San Francesco d’Assisi. In questo bel cantico ci ricordava che la nostra casa comune è anche come una sorella, con la quale condividiamo l’esistenza, e come una madre bella che ci accoglie tra le sue braccia: “Laudato si’, mi’ Signore, per sora nostra matre Terra, la quale ne sustenta et governa, et produce diversi fructi con coloriti flori et herba”» 
Papa Francesco

Leggi Tutto →
Exemple

Domenica 9 giugno l’incontro di fraternità

Si tiene domenica 9 giugno, dalle 9.00 alle 16.30, l’incontro mensile della fraternità secolare.

Durante la preghiera delle lodi previsto il rito di ammissione al noviziato di Cesira, mentre nella messa che viene celebrata in Basilica alle 12.00 fanno la loro professione nell’OFS i fratelli Francesca, Angela e Daniele.

In mattinata l’incontro prevede la verifica del triennio trascorso, in vista del prossimo rinnovo del Consiglio di fraternità, previsto per ottobre o novembre.

Tutti sono invitati a prepararsi rispondendo alle seguenti domande:

  • Che cosa hai apprezzato della vita di fraternità in questo triennio? Che cosa ti è mancato?
  • Che ruolo è chiamato ad avere il francescano secolare nel mondo d’oggi? Circa quest’ultima domanda è bene fare riferimento alle Costituzioni OFS, in particolare ai numeri 17-23 e al n. 14.1 che qui di seguito viene riportato: Consapevoli che Dio ha voluto fare di tutti noi un popolo e che ha reso la sua Chiesa sacramento universale di salvezza, i fratelli si impegnino ad una riflessione di fede sulla Chiesa, sulla sua missione nel mondo di oggi e sul ruolo dei laici francescani in essa, raccogliendo le sfide e assumendo le responsabilità che questa riflessione farà loro scoprire.
Leggi Tutto →
Exemple

Domenica 12 maggio l’incontro della fraternità OFS

Avrà una scansione dei tempi diversa dal solito l’incontro di fraternità OFS del mese di maggio: sarà domenica 12 maggio e avrà inizio alle ore 14.30, con una breve preghiera, per lasciare spazio ai tre fratelli scelti questo mese per proporre il tema dell’incontro. Il titolo, all’interno del percorso “Il Vangelo del desiderio”, è “La domanda che apre alla fiducia”, secondo la proposta della rivista dell’OFS nazionale Francesco il Volto Secolare.
In seguito il lavoro per gruppi, con le domande che riportiamo qui sotto, e il ritorno in assemblea. Non mancherà l’appendice con avvisi e indicazioni per i mesi successivi.
Alle ore 18 parteciperemo alla s. Messa presieduta da p. Giuseppe, nel cinquantesimo anniversario dall’Ordinazione presbiterale, ci farà seguito un buffet in cappella Muzzarelli.

Domanda per una attualizzazione personale e comunitaria

Qual è il volto speciale della tua vita che ti ha aiutato a desiderare qualcosa di più grande, a sognare una possibilità impossibile?

La relazione con quel volto mediatore di un progetto ha una storia che si sviluppa, fatta anche di fedeltà o tradimenti. Quale dei due aspetti hai sperimentato di più nella tua vita?

Un sogno di vita e un progetto abbracciato chiede spesso anche molta solitudine e fedeltà personale. Quando senti più forte questi momenti in cui il Vangelo ti chiede di restare da solo per vivere una coerenza spesso impegnativa e difficile?

Leggi Tutto →
Exemple

Il 27 aprile incontro di formazione aperto a tutti

Sabato 27 aprile alle ore 16.00 in convento si terrà il sesto ed ultmo incontro mensile di formazione sull’Esortazione apostolica di papa Francesco sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo “Gaudete et exsultate”.
L’incontro è aperto a tutti. Sarà guidato dall’Assistente fra Marco Moroni e avrà come oggetto il capitolo V dell’Esortazione dal titolo “Combattimento, vigilanza e discernimento” (nn. 158-177).
Si suggerisce di portare con sé il testo dell’Esortazione (una qualsiasi delle edizioni), avendo letto previamente il capitolo.

Leggi Tutto →
Exemple

Il giornalino della fraternità di aprile

Qui puoi scaricare il numero di aprile del giornalino “In cammino con la fraternità”

Qui di seguito riportiamo l’articolo di fra Marco, assistente della fraternità.

SENTIMENTI

Provo ad immedesimarmi in Maria di Magdala nel momento in cui, giunta al sepolcro di buon mattino, quand’era ancora buio, vede che la pietra era stata ribaltata e intuisce che il corpo di Gesù, avvolto con cura in un lenzuolo due giorni prima, ora non c’è più. Quali sentimenti ha provato? Smarrimento, sconcerto, paura, delusione, rabbia, turbamento, angoscia… E vorrei consolarla, starle accanto, condividere un po’ del suo dolore.

Provo ad immedesimarmi in Maria di Magdala mentre, trafelata, giunge da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava e annuncia che hanno portato via il Signore, e non sappiamo dove l’hanno posto. Il suo cuore urla in lei, mentre pronuncia quell’annuncio desolato, pieno di sgomento, terrore, dubbio, confusione, sconforto, accusa… E vorrei essere lì, con loro, fare qualcosa, ma mi sentirei così impedito, non solo di fare, ma di dire una parola che possa avere un senso.

Provo ad immedesimarmi in Maria di Magdala quando, tornata alla tomba assieme agli altri due, si ferma all’esterno e lacrime irrefrenabili le solcano il viso. Una tristezza infinita, una sorda disperazione, un bisogno di urlare e di tacere insieme, avvilita, abbattuta, prostrata da una sofferenza cupa. E vorrei farle sentire almeno un po’ di tenerezza, invitarla a piangere sul mio cuore non potendo neppure io trattenere le lacrime.

Provo ad immedesimarmi in Maria di Magdala, ora che i suoi occhi ripuliti dalle molte lacrime, riescono a scorgere, nel buio del sepolcro, due uomini in bianche vesti che le chiedono il motivo del pianto. E lei sconsolata a ripetere le parole dette ai discepoli, piene di incredulità, di dubbio, di sospetto. E vorrei poterle rispondere, ma con una risposta che anch’io non conosco.

Provo ad immedesimarmi in Maria di Magdala, voltatasi indietro, alla visione dell’uomo del giardino, anch’egli ad interpellarla sul suo pianto, con una domanda in più: Chi cerchi? E c’è in lei una risposta chiara, piena della dolcezza del ricordo e della rassegnazione del presente. Vorrei dirle che anche in me si affollano sentimenti contrastanti.

Provo ad immedesimarmi in Maria di Magdala nell’ora in cui si sente nuovamente chiamare per nome. E quella voce non è sconosciuta, quel timbro è pieno di familiarità e di dolcezza. E allora la gioia è incontenibile. Rabbunì! Lo stupore, la sorpresa che supera ogni attesa e vince ogni dolore! Ora è lei che mi conforta, che mi annuncia un nuovo e diverso annuncio: ho visto il Signore.

E io non vorrei altro, non desidero nulla più.

fra Marco

Leggi Tutto →
Exemple

In cammino con la fraternità

E’ pronto il Giornalino della fraternità. Come sempre un articolo di attualità, l’angolo di fra Marco, gli appuntamenti del mese, il racconto dei momenti vissuti e l’inserto a carattere biblico.

Clicca qui per scaricare il giornalino

Riportiamo qui di seguito l’articolo di fra Marco e le domande per prepararci al prossimo incontro

ATTITUDINE AL DIALOGO COME IMPEGNO QUARESIMALE

Mentre scrivo questo articolo ho ancora nella memoria dello sguardo e del cuore le immagini e soprattutto le parole pronunciate nella storica visita di papa Francesco negli Emirati Arabi.
Continuo a ringraziare il Signore perché mi concede di vivere in questo tempo così ricco di eventi e di segni di dialogo, tempo di testimonianze coraggiose e di gesti che continuano a far risuonare, in forme diverse e sempre nuove, certi racconti delle Fonti francescane che noi francescani non possiamo che tenere come punti di riferimento permanenti. Penso a tutti gli episodi che ci mostrano in San Francesco l’attitudine per la ricerca della pace e della riconciliazione, con le azioni che ne conseguono. Mi riferisco per esempio alla mediazione da lui operata per la riconciliazione tra il vescovo e il podestà di Assisi (1616), all’episodio del lupo di Gubbio (FF 1851), all’insegnamento dato ai frati di Montecasale su come comportarsi con i briganti (FF 1669 e 1759), ma soprattutto all’incontro con il Sultano Melek El Kamil (FF 2235 e altri) di cui ricorre quest’anno l’ottocentesimo anniversario. Mi riferisco anche all’articolo della Regola in cui Francesco raccomanda ai frati che vanno tra i saraceni l’atteggiamento fondamentale: che essi “non facciano liti né dispute, ma siano soggetti ad ogni creatura umana per amore di Dio e confessino di essere cristiani… e quando vedranno che piace a Dio annunzino la parola di Dio…” (Rnb XVI, FF 43).
Come cristiani che fondano nel Vangelo la loro vita e le loro scelte, ma ancor più come seguaci del mite Francesco, dovremmo avere nella carne queste prospettive, queste modalità. Proprio dentro un mondo che purtroppo si sta dirigendo per sentieri opposti, che sta riprendendo ad innalzare muri e barriere, che sta chiudendo porti e confini, un mondo in cui risorgono i nazionalismi e dove si vuol far prevalere il proprio interesse, come francescani c’è molto da fare: abbiamo bisogno di far crescere dentro di noi, tra di noi, attorno a noi l’attitudine al dialogo, alla mediazione, alla composizione di “liti e dispute”! Siamo chiamati a navigare controcorrente!
Mi sembra che in questo ci possa aiutare il lento percorso formativo tracciato dal Consiglio nazionale, che guarda caso ha come slogan “Abitare le distanze”, ma anche le proposte regionali di quest’anno, tutte incentrate sulle dinamiche della relazione, e così pure il prossimo Festival Francescano che sarà caratterizzato dal tema del dialogo.
In questo potrà essere veramente “tempo favorevole” la quaresima che andiamo ad iniziare: non limitiamoci alle pie pratiche, a preghiere intimistiche, ma viviamo nella nostra carne l’incontro con l’altro, apriamo mente e cuore ai fratelli, non lasciamoci vincere da paure ed egoismi, e tutto questo senza liti né dispute!

fra Marco

***

Domande per l’attualizzazione personale e comunitaria

Potresti riconoscere nella tua vita una sorta di passaggio dai desideri al desiderio? Ovvero dal bisogno di soddisfare una molteplicità di desideri al desiderio di dare senso, completezza, pienezza all’esistenza?

C’è stato qualche evento, incontro, realtà, persona che ti ha aiutato in maniera determinante a definire al tua identità umana e cristiana? Prova a raccontarli nel segno della gratitudine.

Forse alcuni di questi elementi appena ricordati costituisce una “pietra miliare”, un evento simbolico di particolare importanza cui ritornare con la memoria nei momenti di eventuale smarrimento, di dubbio, di tristezza. Sarebbe bello condividere anche questo.

In quei momenti puoi dire di aver sperimentato la mano di Dio, la sua protezione e amicizia, o anche di avere scoperto/approfondito la sua presenza come Amore e Misericordia?

Leggi Tutto →
Exemple

Abitare le distanze

Il prossimo incontro di fraternità si terrà il 10 marzo, dalle 9.00 alle 16.30, in convento. Continueremo ad approfondire la tematica generale “Abitare le distanze”, proposta dal Consiglio Nazionale attraverso i vari numeri della rivista Francesco il Volto Secolare.

L’incontro avrà questo programma:
09.00: Preghiera iniziale (Lodi mattutine)
09.30: Indicazioni per la giornata, avvisi e presentazione del nuovo numero del giornalino di fraternità
10.00: Condivisione nei gruppi sulle domande presentate nell’incontro di febbraio (sono riportate qui sotto)
11.00: Intervallo
11.15: Report dai gruppi
12.00: S. Messa in Basilica
13.00: Pranzo con la comunità dei frati (portare da condividere il secondo)
14.30: Ripresa dei lavori
16.00: Vespri e conclusione

Domande per l’attualizzazione personale e comunitaria
Potresti riconoscere nella tua vita una sorta di passaggio dai desideri al desiderio? Ovvero dal bisogno di soddisfare una molteplicità di desideri al desiderio di dare senso, completezza, pienezza all’esistenza?
C’è stato qualche evento, incontro, realtà, persona che ti ha aiutato in maniera determinante a definire al tua identità umana e cristiana? Prova a raccontarli nel segno della gratitudine.
Forse alcuni di questi elementi appena ricordati costituisce una “pietra miliare”, un evento simbolico di particolare importanza cui ritornare con la memoria nei momenti di eventuale smarrimento, di dubbio, di tristezza. Sarebbe bello condividere anche questo.
In quei momenti puoi dire di aver sperimentato la mano di Dio, la sua protezione e amicizia, o anche di avere scoperto/approfondito la sua presenza come Amore e Misericordia?

Leggi Tutto →
Exemple

Domenica 7 aprile incontro della fraternità OFS

Il prossimo incontro di fraternità si terrà domenica 7 aprile, dalle 9.00 alle 16.30, in convento. Continueremo ad approfondire la tematica generale “Abitare le distanze”, proposta dal Consiglio Nazionale attraverso i vari numeri della rivista Francesco il Volto Secolare.

L’incontro avrà questo programma:
09.00: Preghiera iniziale (Lodi mattutine)
09.30: Proposta di riflessione sul tema “Il desiderio di prossimità”, presentata da tre membri della fraternità locale
10.15: Intervallo
10.30: Condivisione nei gruppi sulle domande presentate (sono riportate qui sotto)
12.00: S. Messa in Basilica
13.00: Pranzo con la comunità dei frati (portare da condividere il secondo)
14.40: Avvisi e indicazioni per il prossimo periodo.
15.00: Report da parte dei referenti dei gruppi e dialogo fraterno
16.00: Vespri e conclusione

Domande per l’attualizzazione personale e comunitaria

La distanza tra ciò che vorremmo essere, l’ideale evangelico di vita che coltiviamo e la nostra quotidianità (compreso il nostro peccato), può essere causa di frustrazione e avvilimento, ma può anche risultare un’utile risorsa per camminare sempre verso un “meglio”, verso una vita più cristiana. Ti ritrovi in questa affermazione? Hai delle esperienze da raccontare in proposito?

Le relazioni con gli altri costituiscono il momento più prezioso ma anche più faticoso per incontrare se stessi. Forse scopriamo così alcune nostre povertà: nei sentimenti (invidia, gelosia, superbia..) che a volte proviamo a partire dal confronto con gli altri; nel sentirci infastiditi dalle loro richieste, oppure dai loro successi, oppure da doti, virtù, caratteristiche che vorremmo avere. Ne hai fatto esperienza? Sei disposto/a a raccontarla?

Il “proprio” dei francescani è individuato dal testo di formazione nel “lasciarsi evangelizzare e convertire dagli ultimi”. In che cosa, concretamente, senti che devi ancora camminare per “farti povero/a”? Che cosa ti senti chiamato/a ad abbandonare? Di fronte a Gesù che dice “Va’, vendi tutto quello che hai e dallo ai poveri, poi vieni e seguimi” (Mc 10,21) puoi chiederti che cosa sia quel “tutto”. Attenzione: qui non si parla tanto o solamente delle ricchezze materiali!

Leggi Tutto →

Calendario

<< Lug 2019 >>
lmmgvsd
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 1 2 3 4

Appuntamenti di oggi

Le nostre pagine