L’Immacolata in Basilica

Exemple

L’Immacolata in Basilica

La statua dell’Immacolata di Prudenzio Piccioli (1848 ca) in San Francesco

La statua dell’Immacolata, posta all’interno dell’omonima cappella già dedicata a san Bernardino entro una corona di nubi gotiche nella forma a mandorla (o vesica piscis) realizzata nel 1957 da Severino Gardesani su disegno di Guido Atti, fu realizzata dopo che, nel 1819 i frati poterono riaprire al culto la Cappella Muzzarelli. È opera dello scultore spilambertese Prudenzio Piccioli (1813-1883) che nel 1848 curò il restauro della quattrocentesca pala marmorea dell’altare maggiore, opera dei fratelli veneziani Pierpaolo e Jacobello Delle Masegne. Fu proprio in quegli stessi anni che il Piccioli realizzò la statua dell’Immacolata Concezione di dimensioni più che reali, «ispirata alla pittura del Sassoferrato». L’effige fu posta sull’altare maggiore della Cappella Muzzarelli con ai fianchi, in due nicchie, le statue di san Ludovico, re di Francia, e santa Elisabetta d’Ungheria, patroni del Terz’Ordine Francescano.Con le soppressioni del 1863 e il decreto prefettizio del 1866 che ordinava la nuova chiusura della chiesa e la sua destinazione ad uso militare, la venerata immagine fu trasferita nella chiesa di San Girolamo della Certosa. Da lì fu riportata in San Francesco dopo che nel 1877, in attesa del ripristino della chiesa, fu nuovamente riaperta al culto la vecchia sacrestia, la Cappella Muzzarelli, che venne dedicata all’Immacolata. 
In occasione del restauro e parzialmente trasformazione del 1957 ad opera dello scultore scultore e plastificatore faentino Gaetano (Tano) Dal Monte (1916-2006), si ruppe la testa in gesso che fu rifatta in cartapesta (cf. lettera al p. Stanislao Rossi del 7 febbraio 1957). La statua fu solennemente incoronata dal Cardinale Giacomo Lercaro, arcivescovo metropolita di Bologna, il 13 maggio 1962.

La statua prima dell’intervento del 1956

Le notizie relative alla statua e al suo autore sono tratte dalla scheda di www.storiaememoriadibologna.it e da alcune note sul culto dell’Immacolata a Bologna redatte nel 1954 da p. Bartolomeo Casoni Dal Monte e conservate nell’archivio del convento. Per il restauratore si veda la pagina di www.ilbuonsenso.net. Si veda anche: Virgilio Davia, Cenni intorno al nuovo simulacro di Maria Santissima Immacolata opera dello scultore Prudenzio Piccioli che si venera nella Chiesa de’ RR. PP. Minori conventuali di S. Francesco in Bologna, Bologna, Tip. alla volpe, 1848.

A lato la pianta della chiesa di San Francesco con indicata la posizione della “Cappella dell’Immacolata” (già di San Bernardino).

Calendario

<< Dic 2019 >>
lmmgvsd
25 26 27 28 29 30 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5

Appuntamenti di oggi

Le nostre pagine